mercoledì, luglio 30, 2008

Nei boschi eterni


Ho letto questo libro tra i preparativi del mio matrimonio e i 15 giorni di matrimoniale che mi sono toccati, un libro particolare anche come è scritto e come intreccia il racconto.
Ho conosciuto il libro attraverso bookandtalk.blogspot.com/.
Il blog di Irene, che in fatto di libri ha un ottimo gusto e per una come me che ama i libri questo tipo di blog fanno molta gola......
Ve lo consiglio anch'io di leggere, un pò per staccare dai classici gialli e un pò per scendere nei meandri della psiche umana ed un pò per conoscere meglio questa scrittrice francese che si firma come un uomo Fred Vargas, il vero nome della scrittrice è Frédérique Audouin-Rouzeau è ricercatrice di archeozoologia presso il Centro nazionale francese per le ricerche scientifiche (CNRS), ed esperta in medievistica. Ha lavorato a lungo sui meccanismi di trasmissione della peste dagli animali all'uomo.
Una scrittrice molto impegnata in ogni campo anche da un punto di vista politico.

Trama: Da un momento all'altro il commissario Adamsberg sprofonda in un mondo che sembra tornato al Medioevo, dove si straziano cervi dei boschi normanni, si profanano cadaveri di vergini per estrarne misteriose sostanze, e le pozioni magiche assicurano la vita eterna, a costo di orrendi delitti. Mentre un rivale che arriva dal più lontano passato, e che parla in versi, gli vuole rubare tutto. Ma non a uno "spalatore di nuvole" come Adamsberg. Anche se, ancora più delle altre volte, arrivare alla verità vorrà dire riuscire a strapparsi un pezzo di cuore.....

Nessun commento:

Posta un commento