sabato, agosto 09, 2008

La tredicesima storia


Un libro avvolgente, pieno di segreti e di emozioni, una matassa da sbrogliare solo rimanendo incollata alle pagine e la scrittrice Diane Setterfield riesce a prendere il lettore e a legarlo alla storia di Vita Winter con grande maestria.Questo libro mi ha trasportato lontano, nella brughiera delle sorelle Bronte, ha avuto la capacità di riprendere le pagine cupe di Cime tempestose, di rivedere la storia di Jane Eyere, che io non ho letto, ma ho solo visto il film, che mi ha appassionata, ovviamente sarà uno dei prossimi libri da leggere, proprio per comprendere a pieno il senso della brughiera.
I personaggi sono ben stagliati, le protegoniste sono Vita Winter, la sua famiglia e Margaret Lea con la sua storia personale che alla fine emergerà con dolore, ma con liberazione del personaggio che vivrà una nuova rinascita.
Un libro che consiglio vivamente di leggere, sia perchè è scritto molto bene, ovviamente non l'ho letto in inglese, ma in italiano, la traduzione ottima, rende l'atmosfera cupa dei personaggi.
Si potrebbe parlare di un libro corale, anche se a dire il vero è solo il personaggio di Vita Winter a raccontare la saga della sua famiglia e Margaret Lea parla della sua, ecco credo che sia giusto parlare di romanzo a due voci, romanzo a due storie parallele.
Un libro che è difficle abbandonare, perchè la storia di tutti i personaggi coinvolge talmente tanto che vivi le emozioni e le sofferenze loro e le si fanno proprie.
Da tanto non leggevo un romanzo così.

Buona lettura

1 commento:

  1. Ciao Mafalda, complimenti per il blog (l'ho scoperto grazie al blog di tuo marito, blog da cui ormai dipendo completamente).Sono contento di aver letto questa tua recensione: ogni volta che entro in libreria e vedo la copertina di questo libro penso: "Ora lo compro", poi per un motivo o per un altro compro un altro libro. Ora che ho letto il tuo parere ho un motivo in piu' per comprarlo.Se sei d'accordo vorrei linkarti nel mio blog, www.cinemanelcuore.blogspot.com, fammi sapere se sei d'accordo. Un saluto, a presto.

    RispondiElimina