mercoledì, settembre 24, 2008

Cavalletto e pennelli

Lunedì pomeriggio sono tornata a casa con un oggetto da me molto desiderato, un cavalletto per dipingere, ovviamente lo uso quando sono a lezione di pittura, ma ancora uno tutto mio dove dedicarmi nella mia casetta non l'avevo mai comprata e siccome finalmente adesso sto per conto mio ed ho un marito che non fa altro che spingermi in questa mia passione mi sono decisa a comprarne uno. Ci sono cavalletti che arrivano a costare anche 100 euro, io ne ho preso uno più economico, da 23 euro, anche perchè non ci devo fare altro che dipingere, certo quelli sono ultra professionali, ma dicamoci la verità io non sono Leonardo o Picasso, non sono un artista, quindi va benissimo anche un cavalletto economico.

Oggi invece sono andata a comprare i pennelli, per quelli purtroppo non si può non spendere, vi dico solo che un pennello mi è costato 5 euro, lo so, caro, ma i pennelli sono lo strumento fondamentale e lì o si comprano di ottima qualità oppure niente.

Ahimè anche i colori hanno un loro prezzo, ma ve li risparmio, perchè a me sono venuti i capelli ricci, io li ho lisci!

Fare arte costa, qualsiasi tipo di arte, però c'è tanta soddisfazione nel vedere i propri lavori finiti, ma soprattutto veder che sono venuti come li volevamo, alcuni quadri che ho fatto non mi sono piaciuti, ma è normale...

7950001Questo è un esempio di cavalletto, il mio è molto meno professionale!!!!:)

generale_CavallettiAccessori_Pennelli_PeloMartora_page136

Alla prossima !!!!!!

7 commenti:

  1. Ormai sei davvero lanciatissima! e anche molto brava (però con i corsi che frequenti diventerai ancor più brava e padrona delle tecniche).
    Per quanto riguarda i costi... beh, è una nota dolente, ma sappi che anche per le cosette che faccio io si spende un sacco: ci sono pennelli abbastanza economici che non sempre danno buoni risultati, ma certi pennelli speciali (e indispensabili per ottenere alcuni effetti!) costano anche 11 o più euro, i colori (circa 3€ l'uno e per un lavoro, tra colori base e sfumature possono essere necessari minimo una quindicina di colori) e dei supporti! per non parlare di certi corsi con artiste americane che ti vampirizzano un po' (ma danno una carica e una soddisfazione enormi).
    Insomma, bisogna fare un mutuo ogni volta !!!
    Io perciò faccio del lavoro in più a scuola, così posso permettermi questo capriccio!

    Scusa se sono stata lunga come al solito. In attesa di un tuo nuovo capolavoro tra Leonardo e Picasso, ti abbraccio con affetto
    Nicoletta

    RispondiElimina
  2. Lo confesso, forse la mia è una malattia: sono sempre stato attratto dalle scatole di colori, tutti profumati, con le punte ben temperate. Ed ora questa foto dei pennelli in fila far venir voglia di dipingere (io non saprei neanche da dove iniziare). In bocca al lupo per la prima opera sul nuovo cavalletto.

    RispondiElimina
  3. Carissima,
    fai venire voglia di dipingere anche a me....anche se non saprei proprio quali possano essere i risultati.

    Per il momento, l'unico pennello che ho preso in mano è per fare shodo, ma mi ha dato molte soddisfazioni.

    Sono curiosa di sapere che quadro hai iniziato al corso :)

    Dai che vogliamo vedere le tue opere.
    Buon lavoro!

    RispondiElimina
  4. Ma dai... ormai sei partita e chi ti ferma più. A me dammi una macchina fotografica ma con i pennelli al massimo mi cimento a dipingere i sassi... e credimi che anche lì devi impegnarmi tanto tanto per ottenere un effetto abbastanza decente. Pubblicherò qualcosa in seguito. A proposito, mi sono persa il post sulle tue bomboniere realizzate con le tue manine? Per quel che riguarda i colori... io ho fatto la scorta di colori acrilici dalla Lidl! ciao ciao

    RispondiElimina
  5. Ciao, Mary! Era da un bel pò che non passavo dal tuo blog e ho trovato molte novità. Complimenti per i tuoi quadri e spero presto di venire a casa tua così mi racconti e mi mostri le foto del tuo viaggio di nozze a Praga.
    Grazie per il tuo commento sul mio blog. Un abbraccio. Mela

    RispondiElimina
  6. che bella questa tua passione... allora posterai qualche tua opera??
    arrivo dalle tue parti attraverso il blog di mia madre (nonna laura) e tornerò a trovarti volentieri! ciao!!!

    RispondiElimina
  7. Non ho mai saputo usare il cavalletto, io dipingevo tutta storta su un tavolo leggermente rialzato.

    Adovo i pastelli colorati, ma il massimo del godimento sono i pastelli ad olio, non so se li hai mai usati ma te li consiglio vivamente.

    Si impastano perfettamente, sono abbastanza grassi e si amalgamano come fosse tempera, ottenendo delle sfumature grandiose.

    A chi volesse cimentarsi in questa tecnica consiglio un foglio semiruvido e pochi colori, ma buoni, altrimenti non impastano bene.

    RispondiElimina