martedì, gennaio 13, 2009

Leggendo una rivista

Come tutte le donne, più o meno, anch'io amo leggere le riviste dedicate alla moda, ad argomenti che riguardano sentimenti ecc...Una delle riviste che più amo è Grazia.Vi sembrerà banale, ma a me piace molto, perchè da molti spunti, con interviste a personaggi noti e non e talvolta parla, in maniera mai pesante e banale, di argomenti attuali molto interessanti.
Tutti siamo a conoscenza dei vari siti per conoscere persone, fare nuove amicizie, uno di questi è Facebook, sul quale potete trovarmi. Ne esistono di altri più o meno carini e simpatici.
Nel numero scorso di Grazia si parlava proprio di questi siti che molti utilizzano semplicemente per svagare o meglio per tradire in maniera soft il proprio partner.
Ora io mi chiedo ma esiste il tradimento soft? Cioè il tradimento innocuo, chatti con una persona, fai un pò la civetta, magari confessi cose che non diresti a tuo marito o viceversa moglie ed il gioco è fatto. Poi chiudi il pc ed è finito lì.
Ma sarà davvero tutto lì? Io non credo assolutamento, già partendo dal presupposto di dire qualcosa d'inconfessabile a qualcuno che non conosci mi sembra una maniera per fuggire dalla realtà ed il fatto di non parlare con il proprio partner di cose intime mi sembra già un vero tradimento.
Ma quest'era così presa dalla tecnologia ha aiutato le coppie oppure le ha divise?
A me sembra che si sia persa la comunicazione fisica e verbale con le persone, nel caso specifico con il proprio partner.
Ma allora cos'è al giorno d'oggi un rapporto? E' solo un modo per passare la vita con qualcuno? E' solo un modo per avere qualcuno con cui pranzare o cenare o c'è dell'altro?
Perchè molte persone sono spinte a conoscere persone solo per il gusto di avere una realzione virtuale? Mi spiego, io ho conosciuto mio marito tramite internet, ma nè io nè mio marito eravamo occupati con altre persone. Nessuno dei due cercava qualcuno con cui passarsi il tempo o stabilire una relazione eccitante senza impegno. E' successo in maniera del tutto occasionale, ho commentato un suo post ed abbiamo cominciato a conoscerci, solo dopo esserci visti negli occhi è scattata la molla, ma vi ripeto nessuno dei due stava con altre persone.
Ora il conoscere varie persone è simpatico, piacevole, ma quando si ha una relazione stabile e s'intrecciano relazioni, se pur virtuali, con persone che non si conoscono con lo scopo proprio di voler avere una relazione, anche se poi non si arriva alla fisicità, non è tradimento?
Molti non mettono sull'elenco personale il loro stato sentimentale, per cui è facile cadere in questi trabocchetti.
Prima di conoscere Orazio, anch'io vagavo nelle chat, ricordo che per me fu una scoperta, anche perchè sono arrivata ad internet solo 4 anni fa, per cui v'immaginate la mia ingenuità ed infatti ho scoperto un mondo pieno di bugie.
Uomini che si fingevano liberi e sinceri ed invece erano sposati ed interessati solo al sesso.
Ognuno di noi è libero di fare le proprie scelte, ma per lo meno giocate a carte scoperte, anche perchè poi il tutto viene fuori.
Ciò che più mi ha colpito dell'articolo in questione è la facilità con cui s'intrecciano le relazioni virtuali, cioè si parte dal presupposto di tradire, anche se si illudono che non sia tradimento.
Ma perchè avviene ciò? Forse perchè ci si sposa per noia?Perchè è di moda?Io comprendo i matrimoni di un tempo dove uomo e donna non si conoscevano quando si sposavano e continuavano a non conoscersi anche dopo, ma oggi non vi sembra assurdo?
Eppure è una pratica diffusissima, si nasconde al partner la propria indole, per paura di non essere accettati e poi il risultato è il tradimento.
Tutto questo è veramente triste.
Triste perchè l'idea di doversi nascondere con la persona che dovrebbe essere la compagna di una vita è assurdo.
Io sono fortunata, lo ammetto, perchè sto con una persona che mi lascia essere me stessa con tutti i miei difetti ed anche lui fa così.
Ma si riuscirà a vincere le nostre paure per essere accettati per come siamo? Riusceremo mai ad amarci veramente?
A voi le risposte

9 commenti:

  1. Ciao Mafalda, ho letto molto attentamente il post e... hai perfettamente ragione! A me non è mai capitato (ho preferito non iscrivermi a Facebook) ma sono sicuro che molte persone tradiscono il compagno per una persona che conoscono solo tramite internet. Questa la trovo una brutta cosa, anche perché, oltre che tradire una persona è sbagliato, rischi di perdere una persona che ti ama per una persona virtuale che potresti non vedere più. Questo è quello che penso a riguardo. Poi, quando hai tempo, mi farebbe piacere se rispondessi al commento che ti ho lasciato nel tuo penultimo post, ovvero quello di Natale. xD Aspetto notizie...

    RispondiElimina
  2. Grazie Den per il tuo commento, ho letto anche il precedente, ma abbiamo avuto problemi di connessione.
    Grazie per avermi proposto l'indirizzo email, ma per il momento non intendo cambiare quello che ho.
    A presto Mary

    RispondiElimina
  3. Ciao Bella donna,
    condivido pienamente il tuo scritto, nonostante sia molti anni che "navigo" sulla rete....
    Però credo che il punto sia: come siamo noi? Nel senso che se una persona è sincera, lo è sulla rete, mentre se non lo è, idem sulla rete. E poi, devo dire che effettivamente le persone presumibilmente sincere.... .ce ne sono davvero poco.
    Un piccolo aneddoto: io ho conosciuto-incontrato tuo marito dal "vero", proprio ad una riunione di chat. Ricordo che i più erano sorpresi per constatare che come ero tale nella vita virtuale, lo ero anche personalmente. Io "ingenuamente" rimasi un pò stupefatta, perchè pensavo che in realtà tutti fossero così. E invece, persone che magari non aveva nessuna difficoltà comunicativa, vis-à-vis erano l'opposto.
    Sì, ero credulona.....e probabilmente lo sono tutt'ora...... ma io sono fatta così!!
    E ribadisco...... pure io ritengo che le cose non dette al proprio partner, e la necessità di avere queste relazioni virtuali, ma con fine di malizia, rappresentano un tradimento a tutti gli effetti.
    Comunque ti aggiorno che c'è una sentenza di un tribunale: una coppia ha ottenuto la separazione, perchè la moglie ha scoperto il marito in effusioni amorose virtuali.

    A presto,
    Daniela

    RispondiElimina
  4. Ma l'indirizzo e-mail che hai adesso è privato o pubblico? Perchè se è pubblico lo vorrei conoscere :)

    RispondiElimina
  5. Per Dany: si ho sentito della sentenza e credo che sia giusto.
    Anch'io cara come te sono ingenua, per fortuna che ho incontrato Orazio che mi aiuta in questo mondo virtuale, altrimenti cadrei nei trabocchetti!!!!!!!!!!!!!!
    Bacio

    Per Den: il mio indirizzo email è privato e voglio che rimanga tale.
    Scusa, ma non mi va di metterlo pubblico.
    Ciao

    RispondiElimina
  6. Ok, non voglio mica invadere la privacy altrui! :) Sei liberissima di tenerla privata. Anch'io infatti ho una e-mail privata, oltre che quella pubblica. Cmq, ti auguro una buona serata!

    RispondiElimina
  7. Ciao mafalda, non saprei, io non vedo il flirt virtuale come qualcosa di negativo come un tradimento vero. Fare i farfalloni su internet è sicuramente una cosa odiosa, ma non ci vedo un doppio fine: è uno spazio di evasione che uno si conserva negli anni, quel briciolo di trasgressione che serve per darti una piccola scossa, ma quando si ha una storia reale, importante, è difficile che uno superi quel limes invalicabile della virtualità. per dirti, io lo vedo come uno spazio virtuale in cui far vagare la propria fantasia, un po' come fantasticare di baciare brad pitt :)
    ovviamente questo non vale per quelli che si iscrivono a siti fatti proprio per incontrare dei partner, lì è molto diverso, ci si va per un motivo preciso. però fare gli splendidi di tanto in tanto serve, così come a una donna serve sentirsi "corteggiata", seppur virtualmente. sono tutte carezzine all'autostima, saranno cavolate, ma non fanno male a nessuno!
    sun

    RispondiElimina
  8. Grazie per il commento sul mio blog!!! Cmq, mi ero dimenticato di dirti che ti avevo lasciato anche 2 commenti qui. Se vuoi contattarmi in privato puoi usare questo modulo di contatto. Fammi sapere...

    RispondiElimina
  9. Ciao Mafalda...beh ti chiamo così...gironzolando su f.b. ho avuto modo di trovare questo tuo interessante spazio web, e leggiucchiando qua e la...sto volendo lasciare la mia opinione...sui network...sicuramente utili, interessanti...ma decisamente tristi nel momento in cui li si finalizza per la ricercA dell'anima gemella...o altro...a mio modestissimo avviso..in quest'ultimo caso diventano, tranne in rarissimi casi, solo un triste rifugio..un'ultima spiaggia..ricca di infinite delusioni ..seguenti a false aspettattive...di idealizzazioni con i piedi di sabbia....
    nell'ambito di una coppia già esistente...cercare altro tipo di conforto in chatt..oltre che triste...è indice sintomatico che qualcosa non và bene...ed è proprio questo qualcosa che fà prestare il fianco della debolezza umana...
    in altri casi.. similis cum similibus...si possono trovare per "scopi" comuni... ma la tristezza cmq rimane sovrana...giocare a carte scoperte??o con un solo mazzo...credo che al giorno d'oggi sia davvero difficile..e per alcuni come me ad es. forse anche un utopia....tenuto conto delle esperienze che mi porto in spalla!!!
    un saluto
    Giorgio

    RispondiElimina