lunedì, giugno 22, 2009

Love life


«Eravamo la coppia più felice dell’emisfero Nord... Fino a tre settimane fa»

Questa è una storia vera. Carmen e Stijn sono una coppia felice. Giovani, belli, di successo e pieni di amici, hanno appena avuto una bellissima bambina, Luna. Un giorno, come un sasso dal cielo, arriva la malattia di Carmen a stravolgere le loro vite e a strapparli da una consuetudine fatta di feste, viaggi e locali alla moda. Catapultati in un calvario di terapie e operazioni si ritrovano a combattere con un male che non lascia scampo, tra difficoltà mediche e burocratiche, corsie di ospedali e specialisti in oncologia. Stijn è diviso tra il senso di responsabilità e la sua immaturità, tra l’amore per la moglie e la sua monofobia - la paura morbosa di una vita sessuale monogama. Non rinuncia alle uscite con gli amici, né alla sua adolescenziale passione per il calcio e ancor meno alle avventure extraconiugali. Pur non riuscendo a cambiare, sempre alla ricerca compulsiva di continue evasioni dalla realtà che lo circonda, Stijn troverà il modo di rimanere vicino alla moglie e attraversare, tenendola per mano, l’inferno della malattia. Prima per senso del dovere e poi per una crescente ammirazione nei confronti di Carmen e della forza e dignità con cui affronta la terribile prova, Stijn si riscopre di nuovo innamorato di lei, ma in modo diverso, finalmente incondizionato.

Una delle storie d'amore più crudelmente sincere mai raccontate, Love Life intreccia sentimenti forti e contrastanti, con un tono irriverente e crudo, disinibito e svergognato, riuscendo a suscitare quel senso di smarrimento e bilico che solo la realtà ci fa provare.


Ho letto questo libro con voracità, non è male com'è scritto, capitoli brevi, forma semplice, ma sinceramente il marito, Stijn è antipatico, perché non fa altro che tradire continuamente la moglie, non si ferma neanche quando la moglie raggiunge lo stadio più avanzato della malattia. Una cosa mi ha molto colpito.In Olanda, a quanto pare, l'eutanasia è legale e sinceramente, al punto in cui arriva un malato terminale è una liberazione sia per chi sta male sia per chi gli sta' accanto. Credo che la dignità di morire con consapevolezza appartenga all'uomo, per quanto ci sono persone che pensano che così ci si sostituisca a Dio, ma non è così.

Almeno questo è ciò che io credo. Quando la malattia ti ha tolto tutto, dignità, forma umana, parlo della decadenza fisica, ti toglie la voglia di sorridere, ti distrugge moralemente e si sa che non c'è guarigione è un diritto di ogni uomo di dire basta.

Io non credo che l'eutanasia sia un omicidio o un suicidio, è solo un modo per scegliere di decidere della propria vita, almeno quando la malattia non ti da più l'opportunità di scegliere di vivere bene.

8 commenti:

  1. ma cavolo tu sei una divoratrice di libri, ma le tue recensioni sono fantastiche e molto utili per poter scegliere un libro da leggere, grazie! Katia

    RispondiElimina
  2. Carissima, ma che bella recensione... Triste ma davvero da riflettere perché non sappiamo mai cosa è giusto o meno.... Abbiamo solo povere opinioni....
    Io ti ringrazio per le tue belle parole, sei tanto tanto cara!!!
    Penso spesso a te ed Orazio e penso a suo papà...
    Vi abbraccio sai, spero che stiate passando una bella estate. Tra poco è il vostro primo anniversario vero? Auguriiiii!!! Tanto tanto amore!

    RispondiElimina
  3. Per Fata: Grazieeeeeeeeeeee!!!Ma tu ti ricordi tutto???Tra pochi giorni sarà un anno!!!
    Un abbraccio grande grande!!!!!!!!!! :-*

    RispondiElimina
  4. un omicidio - si scrive senza apostrofo..

    RispondiElimina
  5. Grazie Anonimo, molto gentile, ma avresti potuto anche firmare il tuo intervento.
    Sistemo la svista!

    RispondiElimina
  6. Complimenti: una recensione davvero bella, articolata e piena di passione.
    Brava!

    RispondiElimina
  7. Salve ragazzi, io ho un blog sull'iPhone: iPhoneSuite.it e cerco lettori interessati per alimentare il blog con news, update, applicazioni, giochi ed altro per iPhone e iPod Touch!

    Entrate nel blog, commentate, inviate i vostri articoli e iscrivetevi ai feed per rimanere costantemente aggiornati! ;)

    RispondiElimina