mercoledì, settembre 30, 2009

Dalia Nera

copj13 Il 15 gennaio 1947, un corpo nudo viene trovato squarciato all'altezza della vita, con vistosi segni di tortura e mutilato a Leimert Park, un
quartiere meridionale di Los Angeles. Aveva 22 anni Elizabeth Short alias la Dalia Nera.
Delitto avvenuto realmente in un Los Angeles corrotta, marcia, ma pregna di grandi sogni. Così come la giovane donna trovata morta.
Delitto che all'epoca fece molto scalpore per come fu uccisa la ragazza e fu ancora più sconcertante poiché non si trovo' mai l'assassino.
Furono indagate molte persone, ma nessuno fu realmente riconosciuto come l'assassino della Dalia Nera, non si seppe mai perché tanta ferocia avesse colpito questa ragazza.
Divenne una figura eterea,mitologica, molti furono ammaliati da questa figura, alcuni la imitarono, ma nessuno mai seppe realmente chi fosse la Dalia Nera.
Una ragazza facile? Una squillo? Una ragazza con la testa piena di sogni? Una vittima inconsapevole del marciume di una città?
Affascinò così tanto questa donna che si scrissero molte pagine, ma l'unico libro che riesce a dare una dimensione umana, a dare un volto ed un perché ad una morte così cruenta è il libro di Ellroy.
Attraverso le pagine si scopre come la semplice morte, ma non tanto semplice, possa sconvolgere una città intera e possa radicalmente cambiare la vita di chi ruota attorno alla morte della Dalia.
I due coprotagonisti, almeno per me sono coprotagonisti, perché l'unica indiscussa protagonista è la Dalia Nera, sono due ex pugili, Lee e Dwight, che adesso fanno parte del corpo della polizia e per dare un volto ed una spiegazione, scenderanno nei meandri più oscuri e perversi della città degli Angeli e di se stessi.
Non è solo un noir vecchio stile, ma è anche la lucida denuncia del mondo dei lustrini, del cinema che illude che tutto ha un lieto fine.
E' la storia di uomini e donne che vengono smascherati dalla loro facciata perbenista per dar vita alla loro essenza vera e crudele.
Da questo libro è stato tratto anche un film " The black Dalia" nel 2006, diretto da Brian De Palma.
Un libro scritto in maniera serrata, impossibile annoiarsi, tiene completamente attaccati alla vicenda e ai personaggi.

 

“Non l’ho mai conosciuta da viva. Lei, per me, esiste solo attraverso gli altri, nell’evidenza delle loro reazioni alla sua morte.”

8 commenti:

  1. aiuto! paura! leggendo l'inizio del post m'ero un po' impressionata ;))
    grazie per i suggerimenti di lettura ;)
    carine queste emoticons!
    comunque sono qui anche per ringraziarti della visita e delle belle parole del tuo commento sul mio blog :X
    un caro saluto

    RispondiElimina
  2. Spero che tu abbia risolto tutti i tuoi problemi di lavanderia e automobilistici! ;-)
    Anche a me piacciono i noir: grazie per la segnalazione.
    Un abbraccio
    Nicoletta

    RispondiElimina
  3. Mi piace molto leggere anche se il tempo sigh sigh non sempre c'è... Bel suggerimento questo libro, non ne avevo mai sentito parlare.

    RispondiElimina
  4. aaaahhhhhh come ti invidio.
    però......posso farmi una cultura leggendo le tue recensioni,nn ci avevo pensato :))
    Fai bene a dedicare questo tempo alle letture ke arrikkiscono interiormente,io invece mi faccio una cultura di decreti ke oggi valgono e domani no,ke ti fanno impazzire xkè nn sono mai kiari e
    sensati.
    Morale,perdo solo tempo e mi arrabbio pure x non aver dedicato il mio tempo a cose molto + importanti ;)
    un bacione :X
    Lella

    RispondiElimina
  5. Cercavo giusto un nuovo libro e credo che comprerò questo. La trama mi affascina


    Clelia

    RispondiElimina
  6. ehi tesoro,dove sei sparita?
    tutto bene?
    qui si muore dal freddo;siam passati da giornate primaverili a pieno inverno in un solo giorno.
    Spero accendano i caloriferi domani xkè mi sento come una vekkietta piena di dolori e di acciakki.
    e camma fari!ddocu c'è ancora caudu,e 'nti mia si gela brrrrrrrrrr :))
    uè nn farci caso,ma nn lo so mica scrivere bene,a parte ke nn è facile :D
    un bacione
    Lella

    RispondiElimina
  7. Ciao Mafalda, mi chiamo Alice e ho scoperto il tuo sito attraverso quello di tuo marito.

    Mi ha colpito il nome del tuo blog: citi il titolo del libro di Pinketts?? è in assoluto il mio scrittore preferito!!! Ho notato di avere più di un libro in comune con te, mi ispirerò alle tue recensioni per scegliere le mie prossime letture.

    Intanto, se hai voglia, ti invito nel mio spazio http://temporaryblog.com/

    Grazie e piacere!
    Alice

    RispondiElimina
  8. Per Lella:fa freddo anche qui!!!!!!!!!!!!!!!Da stanotte piove senza interruzione.Non sono sparita , è solo che quando non nulla da dire semplicemente non lo faccio!A parte che sono sempre impegnata, tra lavoro, casa e marito e la sera sono troppo stanca anche solo per pensare a qualcosa!
    Per Clelia: quando lo leggerai fammi sapere cosa ne pensi!
    Per Alice: benvenuta sul mio blog e cmq ti ho risposto sul tuo blog! Mi fa piacere che anche tu condividi la passione per i libri, magari potremo fare uno scambio di titoli!!!!

    RispondiElimina