martedì, settembre 01, 2009

Viaggio di nozze a Teheran

978-88-541-1639-9 Ieri sera ho completato la lettura di Viaggio di nozze a Teheran,un libro intenso pieno di sentimenti, ma anche una critica di chi vive ed ama in maniera intensa il proprio paese gestito da persone che invece di amare il proprio paese tende a distruggerlo.
Azedeh scrittrice, giornalista iraniana, cresciuta in America, dove studia e fa la corrispondente in America per il paese, torna spesso nel suo paese per dare la giusta veduta delle condizioni politiche e civili.
In uno di questi suoi viaggi in patria incontra Arash, anche lui ha studiato all'estero, in Germania, e di lui s'innamora e decidono di convivere, ma in un paese islamico, questa condizione è vietata, decidono di sposarsi quando Azadeh scopre di attendere un figlio da Arash. In mezzo ci sono le elezioni politiche di Mahmoud Ahmadinejad, un uomo venuto dal nulla, che vince a sorpresa le elezioni, un uomo che porta l'Iran indietro nel tempo con le sue restrizioni.
Da qui comincia il lento declino del paese e la convinzione di questa coppia di abbandonare l'amato paese per dare una vita migliore a se stessi ed al bambino.Ma la loro fuga, a Londra, non è facile, è una fuga di dolore e di rabbia.
E' difficile per noi occidentale poter comprendere questo paese con le sue assurde restrizioni, ma è difficile capirlo ed accettarlo anche per chi ci vive. Un grande paese costretto a ridimensionarsi per la sete di potere di alcuni uomini.

Come sempre vi auguro buona lettura

8 commenti:

  1. sei troppo forte, ma quanti libri leggi? Comunque grazie perchè con le tue recensioni posso scegliere!!! Un abbraccio Katia

    RispondiElimina
  2. Ciao Mary come va?sempre presa con le tue letture e?Sono recensioni utilissime x ki si appresta a leggerne qualcuno;sei veramente in gamba e ti invidio anke un pò xkè ,come ti dicevo una volta ,da settembre in poi posso solo permettermi libri di altro genere :-(((
    kiss
    Lella

    RispondiElimina
  3. Mie care ragazze se sapeste quanta fatica a volte...,ma è una droga ed è un modo per ritagliarmi un po' di spazio, così come per la pittura e per gli altri hobbie, che ahimè dedico veramente pochissimo tempo!
    Bacio ad entrambe

    RispondiElimina
  4. Avevo visto distrattamente il libro... ma grazie a te lo comprerò... credo sia un libro che potrebbe "stregarmi"

    complimenti per il blog ;)

    Clelia

    RispondiElimina
  5. Grazie per questa ennesima bella recensione.

    Approposito della tua capacità di trovare il tempo di leggere, mi è venuto in mente Pennac quando in un'intervista disse "Il tempo per leggere è un tempo che si ruba agli obblighi della vita, è come il tempo per amare."

    RispondiElimina
  6. ciao Mary,tt bene?
    continuo a notare la pausa della tua dolce metà e volevo solo kiederti se è tt ok,xkè mi è sembrato un pò strano questo lungo silenzio,conoscendo quanto ci tiene........
    Se invece ha ancora bisogno di riposo mentale,fa bene;anzi digli pure di far in modo di smaltire gli impegni xkè ultimamente mi è sembrato troppo preso.
    E tu,ke mi racconti?
    Avrei voglia d raccontarti una cosina,ma preferisco in separata sede.
    Cmq quando vuoi scrivimi anke x e-mail,così ci teniamo in contatto.
    un bacione bedda e salutami il capo ;)
    Lella

    RispondiElimina
  7. Grazie per essere passata a trovarmi nel mio blog. E grazie per i complimnti. Sono una linfa importante.

    RispondiElimina
  8. ... mi fa gola questo romanzo. Grazie per avercelo proposto!
    Ma voi come state??? Carichi per il nuovo anno???
    Lascio qui un abbraccio grande per te ed uno per Orazio, per favore scambiatevelo da parte mia!
    A presto, Cathy

    RispondiElimina