sabato, novembre 21, 2009

In un momento

In questo periodo sto studiando i poeti del ‘900 per  aiutare la mia alunna a preparare la materia di letteratura italiana moderna e contemporanea, per cui mi sono imbattuta in poeta che ho letto tempo per conto mio,Dino Campana. Spulciando un po’ in giro per il web ho trovato questa poesia che Dino aveva dedicato ad una delle sue donne, Sibilla Aleramo, che è una scrittrice del primo ‘900, poco studiata, ma che è molto importante sia nell’ambito della letteratura che nell’ambito delle battaglie per i diritti delle donne.

La loro storia è stata protagonista di un film intitolato Un viaggio chiamato amore, titolo preso in prestito dal carteggio che i due artisti ebbero all’epoca della loro controversa storia d’amore. Gli interpreti sono Stefano Accorsi e Laura Morante, che secondo me non erano tagliati, ma sapete ci vogliono volti famosi per fare soldi……

Ai tempi dell’università quando ancora credevo nell’università volevo fare una tesi su Sibilla Aleramo, ma sapete com’è un’artista così scomoda non può essere materiale di tesi, il mio professore, con cui poi ho fatto la tesi, ma cambiando argomento proferì tale importante frase:”Che dobbiamo fare una tesi femminista????”, non sia mai!!!!!!!!!!!!!!! Per cui optai per il vecchio e mai spodestato Dante Alighieri, di cui nessuno parla mai!!!!!!!!!!!!!!!!!Rimango comunque soddisfatta del lavoro che svolsi e mi piacque anche, ma sapete occuparsi di una cosa che piace è molto diverso. Comunque studiai ugualmente Sibilla e sinceramente credo che dovrebbe essere studiata nelle scuole e all’università.

Vi lascio con questa bella poesia d’amore di Dino Campana: 

 

In un momento
sono sfiorite le rose
i petali caduti
perché io non potevo dimenticare le rose
le cercavamo insieme
abbiamo trovato delle rose
erano le sue rose erano le mie rose
questo viaggio chiamavamo amore
col nostro sangue e colle nostre lagrime facevamo le rose
che brillavano un momento al sole del mattino
le abbiamo sfiorate sotto il sole tra i rovi
le rose che non erano le nostre rose
le mie rose le sue rose.

rosa-en-negro

4 commenti:

  1. Non conosco Sibilla Alteramo, mi documenterò. Grazie per la segnalazione.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Prego cara Jane!!!Un bacio!!!!:-*

    RispondiElimina
  3. Anche a me è successo di cambiare tesi, ma non aver potuto scegliere mi ha lasciato l'amoaro in bocca. Non conosco Sibilla Alterano, ma questo è il bello di leggere i post. Alcuni ti incuriosiscono e ti spingono a ricercare.

    Grazie

    Clelia

    RispondiElimina
  4. ehi tesoro ciaooooooo
    come stai?
    grazie x il commento.Hai visto? ki poteva immaginarlo!Adesso è tutto ordinato e preciso e devo stare attenta a trattarlo bene :)
    In effetti era un pò confuso ma con la confidenza ke ho con il computer capirai....non l'avrei mai cambiato da me e non ci pensavo nemmeno a farlo.
    Cmq sono contenta :D
    un bacione :X
    Lella

    RispondiElimina