giovedì, marzo 04, 2010

I cento passi

Oggi ho rivisto il film “I cento passi” di Marco Tullio Giordano, protagonista è Peppino Impastato, che tutti ricordiamo per essere stato ucciso dalla mafia, perché non voleva stare zitto, non voleva voltare la faccia, non voleva chiudere gli occhi, ma alla fine gli occhi gli sono stati chiusi, ma la sua voce e di tutti coloro che lo hanno conosciuto, di sua madre, di suo fratello, degli amici e di chi è ed è stato vittima della mafia no!

Un brivido lungo la schiena ho sentito rivedendo questo film, un brivido intenso, una forte rabbia, un’emozione fortissima mi ha suscitato come sempre questo film.

Lacerante, come una lama che affonda la carne, ecco cosa ho provato guardando gli ultimi atti della fine sua giovane vita, chissà che paura con quegli sconosciuti, chissà che terrore a morire solo con chi lo odiava.

Lo scempio di un’anima che non avrà mai pace. Certo tanti passi avanti sono stati fatti contro il silenzio, ma quanto ancora si dovrà fare. E quante persone dovranno morire, affinché la mafia  possa essere cancellata?

Non lo quanto ci vorrà, è certo che il suo coraggio dovrebbe essere menzionato più spesso, il coraggio di chi come lui non volta la faccia dinnanzi al male.

Mi sento svuotata ed impaurita dalla ferocia di certi atti, atti che non finiscono mai, noi determinate notizie non le conosciamo, perché ormai certe cose sono edulclorate, sono nascoste da inutili notizie.

Non dimentichiamoci di loro, di queste anime belle che si sono sacrificate affinché noi oggi possiamo dire di essere liberi da certi schemi, anche se talvolta dinnanzi alle ingiustizie abbiamo paura e magari facciamo finta di niente.

Oggi vi lascio con questo post un po’ triste, un po’ rabbioso.

Per avere maggiori informazioni sulla vita di Peppino cliccate qui, se volete altre notizie sulla mafia e le sue malefatte andate invece su questo sito Centro Siciliano.

Madre Peppino Impastato peppino

2473639456_a4bf5d56b9 677_big

2 commenti:

  1. una "brava persona" come si diceva una volta, una testa pensante peppino, purtroppo il suo esempio, la sua testardaggine a volte sembrano essere stati inutili (penso a questo )...
    p.s. se non l'hai visto (e ti vuoi incazzare ancora un po') guardati fortapasc sulla vita e la morte di Siani!

    RispondiElimina
  2. p.s. il tuo post me ne ha ispirato uno!

    RispondiElimina