sabato, marzo 06, 2010

La masseria delle allodole

Un libro scritto da Antonia Arslan tratta del genocidio, avvenuto in Anatolia, l’attuale Turchia, del popolo armeno nel 1919. Una storia dimenticata dai libri di storia, di cui nessuno parla. Un libro che è anche la memoria di una famiglia, che ha vissuto in prima persona la deportazione e le morti di alcuni componenti della famiglia Arslanian. L’autrice, di origine armena, ma che è nata in Italia, attraverso i racconti dei superstiti della sua famiglia ci introduce ad una narrazione ricca, piena di immagini di desolazione e di disperazione umana. Ci fa conoscere, almeno in parte, ciò che è realmente accaduto. E’ un ritorno indietro nel tempo , gli albori di una famiglia ricca che viene travolta dalla sete dell’oro di un gruppo di politico del governo Turco, che decidono di sterminare un popolo perché troppo ricco. Leggendo la storia viene subito in mente la storia del popolo ebreo ucciso dai tedeschi proprio per gli stessi motivi.

Un libro duro nelle descrizioni del genocidio, ma pieno di speranze.

Una storia che non va dimenticata.

Potete visitare il sito della stessa autrice, che è anche promotrice del ricordo di questa orribile storia e delle cultura armena.

Nel 2007 uscì anche un film tratto dal libro ad opera dei fratelli Taviani.

Per maggiori informazioni sulla trama leggete qui

Buona lettura!

masseria-delle-allodole_1

12 commenti:

  1. Io non ho letto il libro ma ho visto il film quando uscì. Non conoscevo la storia, ma sono d'accordissimo con te, non va dimenticata, e bisognerebbe parlarne di più! Ingredibile quanto odio ci sia nel genere umano.A presto!

    RispondiElimina
  2. L'ho letto. Bellissimo. Lo consiglio a tutti. Invece di spappolarci il cervello davanti alla TV leggiamo libri come questo!

    RispondiElimina
  3. Mafaldaaa!
    sei un Pesci - si vede da tutto il tuo blog...
    (lo sono anch'io)
    Ciao

    RispondiElimina
  4. Appena posso, comprero' questo libro, nessuno deve dimenticare il dramma vissuto da tante persone.

    un abbraccio

    Clelia

    RispondiElimina
  5. hai visto che la ferita è ancora apertissima? proprio in questi giorni la Turchia sta litigando praticamente con mezza EU e con gli USA perchè non accetta il termine genocidio per gli armeni!

    RispondiElimina
  6. Per Fabio: non ho sentito la notizia!!!Sono diventata sensitiva!!!!!!!!Incredibile!!!!Assurdo negare l'evidenzia!!!!
    Per tutti: sono contenta se qualcuno di voi lo leggerà.
    Dimenticare significa ucciderli nuovamente!

    RispondiElimina
  7. Approdata qui dal blog della tua dolce metà. Molto interessante il tuo blog.
    Sono diventata tua sostenitrice per cui da oggi ti seguo. A presto ciao!

    RispondiElimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  9. ciao dolcissima,come va? meno male che ci sei tu che pensi ad aggiornarmi su letture interessanti,così se non riesco a leggerli almeno ne conosco il contenuto.
    Appena posso ti scrivo,ho un pò di cose da raccontarti......
    un bacione
    Lella

    RispondiElimina
  10. Cara Lelluzza non vedo l'ora di ricevere la tua missiva!!!!!!!!!!!!!!!!!;)

    RispondiElimina
  11. Grazie di essere passata da me! Va tutto bene...invidio la mia foto dove sono tranquillamente spaparanzata sul divano e sopratttto in vacanza! Ora no ho proprio tempo per aggiornare il blog... mi sento veramente ingabbiata tra lo studio, la mia voglia di lettura, lo sport che mi serve per scaricare e anche il mio desiderio di guardarmi attorno che non riesco a gestire il tutto. 18 anni... e mi sento così poco libera... e poi questi esami di maturità, gli insegnanti (che mia madre non mi senta, visto che fa parte di questa categoria) ultimamente sembra che siano più agitati di noi. Il mio liceo poi ha grosse pretese e tiene i livelli alti e io mi sento già uno straccio. Oggi primo giorno di primavera e io qui a studiare! Ma perchè non vengono accettate le interrogazioni programmate così uno si organizza e cura bene ogni argomento trattato! Poi due settimane fa mia sorella si è laureata con 110 e lode, Chimica del restauro... e ora? Buco nero con la ricerca che in Italia non c'è. Diciamo che anche questo mi sta aiutando ad avere poca fiducia nella fatica dello studio che sto facendo! Piccolo sfogo di una studentessa al limite delle energie positive...
    E tu! Novità interessanti? Sbaglio o tra poco tocchi i due anni di matrimonio?
    ciao ciao un bacio Irene

    RispondiElimina