mercoledì, giugno 16, 2010

Per amore solo per amore e non solo……

Quanto tempo è passato dall’ultimo post !!! Mamma mia, troppo tempo, ma sono stata presa da altro, ma non sto qui a dirvi tutte le cose che ho fatto perché se no chiudo tutto di nuovo. Sono tornata ed ovviamente con una nuova veste visto che gentilmente blogspot si è rinnovata! Ed era ora!!!!!!!!!!!!!!!!

A volte non ci si rende conto di come il tempo passa… fai quello, fai quell’altro e ti lasci trascinare via dagli eventi, poi un giorno ti svegli, osservi la data in fondo e dici:”Ma non può essere!!!! Ultimo post scritto il 16 maggio????????????!!!!!!!!!!!!!!”

Panico assoluto, perché poi si cerca di ritornare con qualcosa d’effetto, con qualcosa di veramente carino e ti metti davanti al pc, aprendo la pagina per scrivere qualcosa e rimani ferma, con un vuoto mentale assoluto!!!!!!!!!!!

Per fortuna che nel frattempo che sono stata desaparecidos ho letto, voi direte e quando mai ti fermi? E lo so amici miei, ma che ci volete fare?

Ho completato tutto il ciclo di Landover, Brooks è sempre Brooks!!!!

Ho anche letto un libro di Banana Yoshimoto e per l’esattezza “Ricordi di un vicolo cieco”, era tantissimo tempo che non leggevo questa scrittrice che come sempre non mi ha deluso, mi trascina in un tempo senza spazio. Cattura i sentimenti dei personaggi come in una bolla e li dona con grazia al lettore. Amo questa scrittrice, spero presto di poter leggere Delfini di cui tutti ne hanno parlato benissimo!!!!

public-vagabondo-copertine-N013-20080829162504_ricordi di un vicolo

Ma ho letto anche Alice nel paese delle meraviglie/Attraverso lo specchio, che sinceramente non mi è piaciuto per niente. Sconclusionato, senza senso e non mi sono meravigliata per niente!!!Di gran lunga preferisco il film della Walt disney!!!

Ma il titolo del post si riferisce ad un altro libro che ho finito da leggere da poco e che vi consiglio vivamente!!!!!!!!!!!!!

copj13“Per amore solo per amore", un libro scritto da Pasquale Festa Campanile. Anni fa vidi il film, diretto da Giovanni Veronesi, tratto da questo libro e che mi piacque molto.

Una persona che è stata molto importante nella mia vita e che mi ha dato la possibilità di conoscere libri meravigliosi, mi regalò questo libro.

Scorrendo nella mia libreria, un po’di tempo fa,  mi sono imbattuta in questo testo che avevo quasi dimenticato, per cui ricordando il film che mi era piaciuto ho cominciato a leggerlo.

La storia narra le vicende di  Giuseppe, falegname, scapolo, donnaiolo, ma un giorno conosce una bimba sveglia e semplice, Maria, che col passare del tempo, diventa una donna molto bella e  di carattere,  e diventerà l’unica donna della sua vita.
Un amore vero e sincero quello per Maria, che lo porterà e rivoluzionare il suo modo di concepire l'amore. Ma l'amore fa degli strani scherzi a Giuseppe, soprattutto quando scoprirà che Maria aspetta un bimbo non suo. Non sa perché, ma accetta comunque di sposarla e di far passare per suo il figlio atteso da Maria. Un amore forte che va al di là della ragione umana che supera tutto anche il non sapere chi sia  il vero padre del bambino. Giuseppe con semplicità accetta tutto, talvolta scornandosi con se stesso per avere accettato in maniera incondizionata l'amore per Maria e per il figlio.

Pasquale Festa Campanile con semplicità e linearità ci racconta la storia d’amore più bella e difficile di comprensione nella storia del mondo. Riesce a rendere un personaggio di cui non si sa nulla, un personaggio che appare come figura di secondaria ed evanescente  nei Vangeli, reale. Con delicatezza e tanto rispetto per un mistero che solo per fede può essere accettato ci da la possibilità di leggere una tenera storia d’amore.

Questo libro è come un caldo abbraccio, una carezza sulla guancia.

Spero di avervi incuriosito sia per il libro che anche per il film e spero soprattutto di postare più spesso!!!!

Un bacio a voi tutti!!!!!!!!!!!!!!!!

9 commenti:

  1. allora: banana yoshimoto l'adoro. Kitchen è da sempre uno dei miei libri preferiti.
    Aldilà dello specchio è un'enorme, intricata, metafora mooolto barocca, e difficiletto da seguire, sono d'accordo.
    Il libro di Festa Campanile lo lessi da ragazzino, prima che uscisse il film e mi era piaciuto.
    brava bibliovora!
    ciao

    RispondiElimina
  2. Grazie prof!!!Detto da te mi emoziona!!!Se per caso ogni tanto vedi uno strafalcione dimmelo o se lo vedi spesso!!!!!!!!!!!Ogni tanto mi sfuggono le parole, consonanti,verbi, avverbi, frasi totalmente sconnesse!!!!!!!!!!!!!!Heheheheeh bacio e buona giornata

    RispondiElimina
  3. Template delizioso, libro letto grazie al tuo prestito, film visionato con il maritozzo,
    la tua recenzione incisiva e scorrevole complimenti sei una super prof e la mia amica "speciale".
    Un baciuzzo

    RispondiElimina
  4. Bentornata: beh diciamo che nel frattempo ne hai letti di libri....

    RispondiElimina
  5. Per Girasolina:anche tu baby!!!!
    Per the Tramp: e si, ma sono sempre troppo pochi!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  6. Ah, che bello rileggerti nuovamente..... E'anche piacevolissimi la tua nuova "veste": trasmette tranquillità energica...... Per quanto riguarda Banana Yoshimoto..... bhè...... l'adoro, e giusto pochi giorni fà ho finito di leggere "Delfini", che ti consiglio......
    Il tuo consiglio successivo di lettura.....mi attira davvero......
    Un abbraccione

    RispondiElimina
  7. ciao bellissima
    quanto tempo che non ci si sente!
    Sei sempre un'insaziabile divoratrice di libri,ma è grazie a te che scopro tante cose,davvero!!
    Bellissimo anche il nuovo template,che porta un senso di serenità e freschezza.
    Hai visto che hai fatto qualcosa,quindi?
    un bacione tesoro e a presto
    Lella

    RispondiElimina
  8. Io sono una "bananista" convinta dall'età di 18 anni quando lessi Kitchen. Non tutti i suoi romanzi hanno la stessa intensità e bellezza, alcuni hanno un tono più basso di altri. Nonostante ciò ciascuno di essi è riuscito a legarmi a sè e ogni volta sfogliare una qualunque di quelle pagine è come riprendere in mano un pezzetto di me. Potrebbe sembrare esagerato farsi trasportare così da un'autrice che di sicuro, come lei stessa ha accennato in qualche intervista, non scrive alta letteratura. Eppure è evidente che riesce a toccare certe corde. Ha una sensibilità che mi tocca. Delfini è un romanzo semplice ma anch'esso intenso, e tenero allo stesso tempo. Fa venire in mente certi desideri... ma non spoilero nulla, spetto che tu lo legga. Un abbraccio ;)

    RispondiElimina
  9. adoro "per amore solo per amore", e anche tanti altri di pasquale festa campanile. un libro che credo potrebbe piacerti è "il diario di Eva" di mark twain. ma probabilmente lo conosci già... mi ha fatto piacere incontrarti in questo mio vagabondare notturno.
    ciao matilda.

    RispondiElimina