lunedì, settembre 05, 2011

Il profumo del pane alla lavanda

il profumodelpaneallalavanda

Trama

Claire Waverley vive nella grande casa ereditata dalla nonna. Ha 34 anni e si dedica solo alla sua cucina e al suo giardino che nasconde un segreto: ogni pianta, ogni fiore, ogni frutto (in particolare quelli del rigogliosissimo melo) hanno un potere magico, una proprietà che può cambiare il destino delle persone. Sono questi gli ingredienti che rendono unici i manicaretti di Claire, ricercatissimi in tutta la cittadina di Bascom. All'improvviso però a sconvolgere la sua tranquilla esistenza irrompe la sorella Sydney, scappata di casa anni prima e ora in fuga da un passato oscuro e minaccioso. Insieme le due sorelle affronteranno la loro difficile eredità, e apriranno il loro cuore all'amore.

Una storia d’amore e di paura, di cose non dette, di gelosia  tra due sorelle, che coinvolge il lettore sin dalle prime pagine. Se Sydney rappresenta la vivacità, la sensualità, la voglia di vivere, Claire con la sua arte culinaria rappresenta la magia. Ed è proprio la magia che fa da padrona a tutto. Attenzione non troverete streghe o maghi, ma solo tanto amore nell’arte della cucina e i segreti che si nascondono dietro. Ovviamente la scrittrice ha calcato un po’ la mano dando poteri magici al cibo, ai fiori, alle piante aromatiche, ma sinceramente non disturba affatto la lettura che è molto piacevole e scorrevole. Un libro che va bene in estate, a fine estate, ma anche con l’arrivo dell’autunno.

Come sempre buona lettura

Nessun commento:

Posta un commento