mercoledì, giugno 06, 2012

Giorni di zucchero, fragole e neve

cop

Trama: Josey ha tre certezze: l'inverno è la sua stagione preferita; lei non è il classico esempio di bellezza del Sud; i dolci è meglio mangiarli di nascosto. Vive a Bald Slope, il paesino di montagna dov'è nata, rinchiusa nell'antica casa di famiglia ad accudire la vecchia madre. Ma di notte Josey ha una vita segreta. Si rifugia in camera a divorare scorte di dolcetti e pile di romanzi rosa. Finché un bel giorno, misteriosamente, nello stanzino nascosto dal guardaroba, dove l'aria profuma di zucchero, spunta un'esuberante signora che dice di essere venuta per aiutarla. Chi è quella donna? Perché il suo corpo odora di fumo di sigaretta e acqua stagnante? Perché sembra scappare da qualcosa o da qualcuno? Josey non farà in tempo a chiederselo, che il suo piccolo mondo sarà messo sottosopra. Scoprirà che in amore e in amicizia le certezze non esistono e che le persone, anche le più care, possono nascondere qualcosa di inconfessabile. Accettare questa sfida è la grande prova che Josey dovrà superare. E per lei sarà l'inizio di una nuova vita: la sua.

Premesso che avendo letto “Il profumo del pane alla lavanda” di questa autrice, ho preso questo libro a colpo sicuro ed infatti non mi ha delusa.

L’intreccio è molto avvincente, la protagonista ed i vari personaggi che arricchiscono questo libro sono ben delineati e ci si immedesima subito.

Come nel libro precedente la magia la fa da protagonista, anche se non è un libro fantasy, vi sono piccoli elementi magici, ma niente che possa infastidire in una storia tutta al femminile. E’ anche un libro che è un godimento per il palato, se pur virtuale, visto che ogni capitolo è intitolato con un dolce o con un ingrediente dolce.

Già questa è una soluzione che mi è piaciuta molto. La scrittura è scorrevole e godibile, non è un libro impegnativo, ma sicuramente si passano delle ore molto piacevoli e quando ci si ritrova alla fine del libro si sente già la mancanza dei personaggi e della scrittura.

Buona lettura

Nessun commento:

Posta un commento